SCALINATA DI LICEO

(foto dal web)

Scalinata di liceo

gioventù in posa.

Facce impertinenti

facce innocenti

facce inebetite

facce divertite.

Menti rivoluzionarie

menti con i castelli in aria.

Animi inquieti

animi lieti

animi sensibili

animi invisibili.

Già c’è chi conosce la strada

chi la sta progettando

chi dal futuro

sta già fuggendo.

La posa si rompe

il gruppo si scompone

ognuno scende

dai propri gradini

si avvia al domani.

Scalinata di liceo vuota.

Passi andati

per mete conquistate

predestinate

forse

oppure rincorse

con tenacia e coraggio

sfrontatezza e follia.

Scalinata di liceo

ricordi in posa

pensieri in movimento

la vita non smette mai

d’essere fermento.

Scalinata di liceo

chi avrà vinto

chi avrà pianto?

Fosse stata una gara

la gioventù un allenamento

staccarsi dal gruppo una partenza

verso il nocciolo dell’esistenza

fosse stato così

magari troppo semplice

per le storie del mondo.

Scalinata di liceo

cosa conta oramai

gradini in salita

gradini in discesa?

Gradini saltati

gradini ruzzolati

gradini ponderati?

L’importante è stato il procedere

il non cedere

tenere fronte alla lotta

non alla vittoria.

No, non era una gara

era un tempo

era un momento

tutti insieme in posa

sulla scalinata di un liceo.

Tosca Pagliari (febbraio 2021).

POESIE?

Vado a capo per prendere fiato

qualche rima a manciata di sale.

Il mio animo un calzino rivoltato

un cencio steso ai quattro venti.

—————————————————————–

Dovrei calare una saracinesca

invece accendo luci in vetrina.

Dovrei arrossire per l’ingenuità

invece sorrido per l’audacia.

Tosca Pagliari. (febbraio 2021)

SVEGLIARSI

Svegliarsi,

aprire questo libro di facce

e scoprire che una faccia non c’è più.

E tornano spiagge di gioventù,

risate, sospiri.

Era ieri e ora non è più.

Svegliarsi e sperare di star sognando.

Svegliarsi

con lo stupore di stare ancora vivendo

sforzandomi di salutare

chi ha preso un altr’altra direzione.

Buon viaggio amica mia

ti saluto da questa stazione

dove al mattino c’è ancora il miracolo

del sole che entra a spiraglio

c’è ancora il miracolo del risveglio.

Per te che sei partita

stamattina onoro la vita.

(Tosca Pagliari – febbraio 2021)