FATALISMO SETTEMBRINO

Ho imparato ad essere miope, a guardare il tempo solo oltre la punta del naso senza sforzarmi di focalizzare lontani orizzonti.

Ho imparato a non stare di vedetta per tutto quello che arriva da lontano perché tanto, quando sarà il momento e quel che era in viaggio avrà finito lo stesso col bussare alla porta avrà pure già cambiato forma.

Non sto più col collo lungo della giraffa, ma con la finta pigrizia e zampata ponderata del felino pronto al balzo solo quando sarà il momento.

Tanto non c’è fretta né anticipazione né precauzione che tenga perché quel che dovrà accadere accadrà.

Tosca Pagliari (Settembre 2021)

NOTTE DELLA MAESTRA

Domattina di nuovo a scuola.

Il tempo voladal costume da bagno

ecco già la lavagna.

Che batticuore

questa notte le ore

saltellano coi pensieri!

Che frenesia

la burocrazia

balla con la fantasia!

Piano orario, registri, certificati

pensieri complicati,

visetti soavi e birbanti

pensieri allettanti,

fiori pronti da colorare

pensieri da assecondare.

Questa è la notte della maestra

vigilia del primo giorno di scuola

che non è mai una volta sola

perché la maestra

ogni anno va sulla stessa giostra

e mai cresce

ma sempre torna fanciulla

se no non riesce

ad insegnare nulla.

Tosca Pagliari – 14 settembre 2021 ( vigilia del primo giorno di scuola).