UMANA PIETA’ O ISTINTIVA FEROCIA?

Ecco il dilemma dopo aver sottratto la malcapitata lucertola al mio gatto. E lui poi quanto ha pianto! Sì, sì piangono anche i gatti con miagolii laceranti.

E’ che a me la lucertola faceva pena mentre lui assecondava il felino istinto.

Ne consegue che ho alterato le leggi della natura.  Così mi rimane il dubbio della validità del mio agire.

Di dubbio in dubbio la mia coscienza ha cominciato ad innescare conflitti tra filosofia, teologia, etica, scienza, sentimentalismo, trasgressione, rivoluzione…un calderone che con le temperature odierne ha iniziato a bollire e a spandere fumi.

E tutto quel che ora mi viene da sintetizzare è che siamo tutti quanti fumo sparso nel vento.

Ho pensato che l’essere umano dotato di ragione, in quanto “specie superiore” (mah!), avesse tutto il diritto di manipolare le leggi scomposte della natura.

Ho pensato che un’opera di creazione che non prevedesse alcuna catena alimentare, ma solo esseri già  autonutrienti, bilanciati nella quantità mondiale e fatti perire di serena vecchiaia, sarebbe stato molto meglio.

Ho pensato che bisogna sempre intervenire, con le proprie capacità, per evitare una qualsiasi tragedia (anche la morte di un’ innocua lucertola).

Ho pensato alla scala evolutiva, agli animali dominanti rispetto ad altri, alle leggi naturali di salvaguardia e di equilibrio.

Ho pensato che trasgredire alle regole della natura e metterci il proprio operato ci dia un gradevole senso di potenza.

Ho pensato che con tutto quello che ci sarebbe d’aggiustare al mondo magari bisognerebbe cominciare a fare una rivoluzione ( a partire dai diritti della lucertola, o dai diritti del gatto?).

DELIRIO!

Delirio di tutto questo pensare che alla fine ha portato solo il bollore del caldo e la mia testa fumante.

Di certezze non ce ne sono, di giustizie ne mancano tante.

Sapete che vi dico, ho salvato una lucertola e non me ne pento. Ho fatto torto al gatto e non me ne pento. Del resto quando si salva qualcuno magari tocca fare torto a qualcun altro. Sugli odierni fatti di cronaca non mi voglio soffermare perchè già di tutto è stato detto compresi sproloqui e vaniloqui.

Mi fermo qui alla lucertola e al gatto che con la ciotola piena è stato costretto a risparmiare una vita. Prendetela pure come metafora che tanto non guasta.

Vedete quel che possono combinare un gatto e una lucertola ad una che come me finalmente si ritrova in vacanza!

Era tanto che mancavo da questo blog. Adesso spero di rimettermi spesso all’opera. E se chi ha avuto la forza di leggere fin qui  ne trovasse un altro pochino per esprimere il proprio parere ne sarei lieta.

Alla prossima.

Tosca Pagliari.

 

 

ANIMALI IN VACANZA

C’è chi se li porta dietro organizzandosi anzitempo, c’è chi li mette in appositi ricoveri, c’è chi terribilimente li sperde per la strada. Questi sono gli eventi destinati agli animali nel periodo delle vacanze.

C’è chi parte per le vacanze con il proposito di rilassarsi, di fare costruttive nuove esperienze arricchendo anche il poprio patrimonio culturale in una maniera più esplorativa e diretta. Ma c’è anche chi parte per le vacanze con l’intendo di trasgredire a tutte le regole della buona educazione creando problemi a tutti coloro che si trovano a condividere spazi e tempi. Ecco anche questi sono “animali in vacanza” nell’accezione dispregiativa del termine “animale” in quanto nel vero termine gli animali sono dei gran signori. E ci sono situazioni in cui il termine “umano” e il termine “animale” andrebbero rivalutati e ribaltati.

Se volete approfondire le tematiche, con i commenti che più vi aggradano, questo spazio è aperto.

A tutti quanti  auguro”buone”, ma veramente “buone” vacanze.