UNA SEDIA DAVANTI ALLA PORTA PER GUARDARE IL MONDO DA CASA

 

 

Quando le donne guardavano il mondo da casa, una sedia davanti alla porta era il loro trono di gioie e dolori dall’inizo alla fine della vita. Se ne stavano sedute composte mentre andavano avanti nelle varie fasi di un’esistenza fatta di attese, sacrifici, rinunce.

Tutto questo nella toccante poesia  dialettale di

Franco Fratantonio, alla quale segue una mia traduzione.

Invito, tuttavia, anche chi non conoscesse il dialetto, a leggerla nella stesura originale perchè è proprio lì che si coglie tutta l’essenza.

NA SEGGIA RAVANZI A PORTA

Na segghia ravanzi a porta
aspittannu ri jucari
prima ca arrivassi a malizia
Na segghia ravanzi a porta
aspittannu ca ti talìa u zitu
ma attenzioni…che rinoccia
‘ntuppati
Na segghia ravanzi a porta
aspittannu u primu addievu
cusiennu e cucinannu
Na segghia ravanzi a porta
aspittannu nu maritu
ca torna lurdu
ro travagghiu
Na segghia ravanzi a porta
aspittannu i figghi
e ‘mpazziennu pe niputi
Na segghia ravanzi a porta
vistuta ri nivuru a luttu
aspittannu a propria morti
Ora ciusi si porti
cianciemu fimmini
ca hana vissutu
aspittannu, aspittannu
na na segghia ravanzi a porta

di FRANCO FRATANTONIO.

UNA SEDIA DAVANTI ALLA PORTA

Una sedia davanti alla porta

aspettando di giocare

prima che arrivasse la malizia.

Una sedia davanti alla porta

aspettando che t’ammirasse il fidanzato

ma attenzione… con le ginocchia

accostate.

Una sedia davanti alla porta

aspettando il primo neonato

cucendo e cucinando.

Una sedia davanti alla porta

aspettando il marito

che torna sudicio

dal lavoro.

Una sedia davanti alla porta

aspettando i figli

e impazzendo per i nipoti.

Una sedia davanti alla porta

vestita di nero a lutto

aspettando i propri morti.

Ora chiuse sono le porte

piangiamo le femmine

che hanno vissuto

aspettando aspettando

una una sedia davanti alla porta.

( libera traduzione di Tosca Pagliari)

Leave a Reply