IO SONO UNA SCRIVENTE UNA GIOCATRICE DI PAROLE

 

Ecco l’ho ridetto: sono una scrivente. Non è un dispregiativo del termine scrittrice, non è un sinonimo, non è un contrario, per me è ” colei che scrive”. Il dizionario si limita a dire che scrivente è ” Chi scrive, soprattutto documenti, relazioni, lettere formali, scritture ufficiali”, mentre scrittore è “Chi si dedica all’attività letteraria: scrittore di romanzi, di commedie “.

Poi scrivo anche molte poesie, ma il termine poetessa addirittura mi imbarazza, preferisco definirmi una giocatrice di parole.

“MI PIACE QUANDO SUONO SUI TASTI LE PAROLE. MI PIACE LA MUSICA DEL DIRE CON LE DITA CHE GIOCANO TRA LETTERE E SEGNI SOLLETICANDO L’ANIMO STUPITO”. (Un mio pensiero)

E come ho detto qualche tempo fa:

“NON M’IMPORTA PERCHE’ SCRIVO, QUANTO SCRIVO, QUANDO SCRIVO, PER CHI SCRIVO, COME SCRIVO, COSA SCRIVO.
SCRIVO PERCHE’ COSI’ RESPIRO. ” (Un mio pensiero)

Siccome leggo anche tanto mi sono resa conto, secondo il mio modo di misurare le cose, che c’è gente che scrive molto meglio di me, come me e peggio di me anche se tutta questa gente va comunque indicata come scrittore o scrittrice, poeta o poetessa.

Qual è la differenza?

La differenza è che per fare la scrittrice non basta la stoffa del saper dire scrivendo, del saper comunicare sensazioni, del saper far sognare, del saper esprimere opinioni … e quant’altro si voglia tirare fuori con la scrittura creativa. Per essere una buona scrittrice ci vuole un talento comunicativo che vada oltre il libro. Ci vuole la forza d’attrazione del pubblico, il mettersi in campo, creare gli eventi, intessere reti relazionali. Poi c’è in primis il classico fattore editoriale che ho più volte trattato e che oramai ho smesso di tenere in considerazione. Comunque tanta ammirazione e un bell’applauso a chi sa fare lo scrittore o la scrittrice e meglio ancora il poeta o la poetessa, lo dico veramente senza  fare ironia.

Io continuo ad essere scrivente così come ci sono i campioni di corsa e chi corre per il gusto di sentire il vento in faccia.

E poi sostengo che ci sono tanti vizi, tante dipendenze compreso quello di scrivere

IL VIZIO DI SCRIVERE

Che bisogno d’eternità
ha l’animo, la mente,
la vanità
d’eprimere,
la necessità
di svuotare il fermento
dell’essere!
Il vizio di scrivere
quasi un bisogno
di cibo per vivere.
Il vizio di scrivere
per far statue di parole
con pietre millenarie.
Il vizio di scrivere
per fermare una diapositiva
far circolare un’opinione
condividere una questione.
Il vizio di scrivere
per mille necessità,
un vizio incallito
dal tempo dell’abecedario
delle prime frasi sul diario
sui banchi e sui muri,
pigiando sui tasti
rumorosi della prima
dattilografia,
davanti allo schermo
di un computer moderno,
volando tra realtà e fantasia.
Ma non so se si può esser sicuri
che sia tra i tanti
di vizi quello più nobile
e prezioso.
Chissà forse è solo
quello più altezzoso
più pretestuoso
che non vuol lasciare
pensieri nascosti
e parole volanti,
ma solo l’ardire
di distribuire a tanti
il frutto di un io
capriccioso
col vizio di scrivere. (Una mia poesia)

 

Questo è quanto stasera ho messo insieme per ribadire il concetto di me “scrivente e giocatrice di parole”.

Dato che fa caldo e il caldo mi fa bollire le idee e luglio è il mio mese speciale di vancanza, così ho potuto divertirmi.

Grazie a che avrà letto fin qui: che pazienza ci sarà voluta!

Leave a Reply