IL POZZO


Da dentro il pozzo
mi vedo stare a galla
per dispetto
a tutti i dispetti
che mi hanno
spinta
dentro.
Con raggi di luna
filo le corde
mi isso
sul bordo
del pozzo
aspetto
un minuto alla volta
finché faccia giorno.
( Tosca Pagliari – maggio 2013 )

 

L’ho ritrovata oggi mentre cercavo di mettere ordine tra i miei documenti virtuali.

 

Clicca su “older posts” per leggere altre poesie.

 

 

11 thoughts on “IL POZZO

  1. A propositò di pozzo mi è tornata in mente una curiosa filastrocca che, quando ero piccolo, mi diceva la mia nonna Rosa che era di Napoli:

    Traduzione:

    http://www.panoramio.com/photo/30524821
    Qui sono a Mergellina, con la nonna Rosa, il nonno Guglielmo e mia madre.
    Nonna Rosa era una figura di grande spessore, quasi “carducciana” (alta, solenne,vestita di nero…)

  2. f
    A gatta ‘ncopp ‘o pozzo
    sende addore di merlozzo.
    e fa “Migiò-migiò”
    si è stutato ‘o lampigiò.

    Traduzione:

    La gatta sopra al pozzo
    sente odore di merluzzo
    e fa “Miaò-miaò”:
    si è.spento il lampione.

  3. La filastrocca della gatta ha una vita molto complicata. Lascio a te il compito di eliminare tutto il materiale eccedente.Grazie di tutto, anche del commento su Panoramio.

  4. DUE PROVERBI NAPOLETANI

    Cu ‘n’ uocchio guarda ‘a gatta e cu n’ato frije ‘o pesce.
    (Con un occhio guarda alla gatta e con l’altro frigge il pesce)

    ‘A gatta,quanno sent’ àddore d”o pesce,maccarune nun ne vò cchiù
    (La gatta quando sente l’odore del pesce non vuole più mangiare i “maccheroni” ovvero gli avanzi degli spaghetti)

    _____

    Grazie ancora per la missione compiuta perfettamente.

    • Ne conosco una anch’ io così. Scarlett a volte fa lo sciopero della fame anche per due giorni finchè io, preoccupata che stia male, prima di portarla dal veterinario, non faccio la prova del pesce. E allora sì che mangia!
      Eccola la sfacciata

      l

Leave a Reply