POESIE IN DIALETTO SICILIANO sul tema dell’amicizia

mani-bimbo-anziano

 

I DISCUSSI DI MO NANNU

N’JORNU MO NANNU MI VARDAU

E TUTTO SERIU MI CUNTAU:

-CU AVI N’AMICU AVI ‘N TRISORU!

IU  ARRISTAI CUNFUSU E PINSAI

CU TRISORU ERANU SULU TANTI COSI D’ORU

NO UNU CU CUI CI PASSI TEMPO ASSAI

CI JOCHI E TI SCIARRII,

FAI PACI E  ‘NSEMI CI TORNA FURRII.

 

MA MO NANNU CA MI SAPEVA COTTU E CRUDU

MO NANNU CA È ‘N CRISTIANU  TANTU SPERTU

MI CUNTINUAU A PARRARI  A CORI APERTU

SPIRANNU CA MI S’APRISSI U CIRIVEDDU.

 

ACCUSSI CUNTINNUAU:

-ARRIUODDITI CA CU TU VOLI MALI TI FA RIDIRI

E CU TI VOLI BENI TI FA CHIANCIRI

NON SEMPRI I COSI SU COMU TI PARUNU A TIA.

ARRIUODDITI CA CARCIRI, NICISSITÀ E MALATIA

SI VIDI U CORI D’AMICI!

IÙ ERA SEMPRI PIÙ CONFUSU

CA PERSUASU

E CI VULIA RISPUNNIRI: – MA CHI DICI!

 

PI EDUCAZIONI MI STETTI SODU

E PINSAI CA PRIMA O POI IN QUACCHI MODU

U SIGNIFICATU S’AVISSI FATTU CHIARU

ALLI VOTI ‘NTA TESTA MI S’ADDUMAVA ‘N FARU.

 

PASSAU TEMPO E ‘N JORNU

CA MI PAREVA DI STARI O NFERNU

MI TRUVAI  CU CORI  NIURO E L’OCCHI DI CHIANTU

PISTATI E VUNGHI TANTU.

CHE M’AVA CAPITATU CHI VU CUNTU A FARI

CA NON È CHISTU DI CUI VAIU A PARRARI.

 

VI CUNTO SULU CA QUANNU

U MUNNU ‘N CODDU MI STAVA CASCANNU,

QUANNU A TESTA N’AVIA CHIU UNNI NTAPPARI,

CI FU UNU CA MI DISSI: – NON TI SCANTARI

CA A MORTI SULU NON C’È RIPARU.

POI MI STUIAO L’OCCHI PARU PARU

MI VADDAU N’TA FACCI  E CUNTINNUAU A PARRARI:

NON TI SCANTARI,  U SAI CHI TI DICU

CI SOGNU IU CA CU TIA, SUGNU TO AMICU!

digital-2021776_960_720

 

 

FU TANNU

CA CAPII I DISCUSSI DI MO NANNU.

 

I discorsi di mio nonno.

Un giorno mio nonno mi guardò

e tutto serio mi raccontò:

-Chi ha un amico ha un tesoro!

Io rimasi confuso e pensai

che il tesoro  erano solo tanti oggetti d’oro

non uno con cui ci passi il tempo a lungo

ci giochi, ci litighi

fai pace e insieme ci continui ad andare in giro.

 

Ma mio nonno che mi conosceva cotto e crudo

mio nonno che è una persona tanto intelligente

mi continuò a parlare a cuore aperto

sperando che mi si aprisse il cervello.

 

Così continuò:

-Ricordati che chi ti vuole male ti fa ridere

e chi ti vuole bene ti fa piangere

non sempre le cose sono come ti sembrano.

Ricordati che in caso di carcere, necessità e malattia

si vede il cuore degli amici.

Io ero sempre più confuso

che persuaso

e gli volevo rispondere:-Ma che dici!

 

Per educazione rimasi zitto

e pensai che prima o poi in qualche modo

il significato si sarebbe fatto chiaro

alle volte in testa mi si sarebbe acceso un faro.

 

Passò del tempo e un giorno

che mi sembrava d’essere all’inferno

mi ritrovai col cuore nero e gli occhi di pianto

gonfi così.

Che cosa mi fosse capitato che ve lo racconto a fare

che non è di questo che vi devo parlare.

 

Vi racconto solo che quando

il mondo addosso mi stava cascando,

quando non avevo più dove andare a sbattere la testa,

ci fu uno che mi disse :-Non ti spaventare

che solo alla morte non c’è rimedio.

Poi mi asciugò gli occhi per bene

mi guardò in faccia e continuò a parlare:

-Non ti spaventare, lo sai che ti dico

ci sono qua io con te, sono tuo amico!

 

Fu allora

che compresi i discorsi di mio nonno.

 

 

gruppo-degli-amici-che-mostrano-insieme-unità-con-le-loro-mani-43047413

TUTTI O MUNNU AVISSIRO AVIRI N’AMICU

N’AMICU È COMU U VENTU

C’ARRIVA CCU NA CIUSCIATA E NTA MUMENTU

DO CORI STI SCIPPA OGNI LAMENTU.

 

N’AMICU È COMU U SULI A MATINATA

CA TI SPUNTA NTA L’ANIMA SCURIATA

E  SUBITU T’AGGHIORNA NA RISATA.

 

N’AMICO AVI ‘N CORI RANNI COMU U MARI

E N’TA DU MARI ANNEIA LE SCERRE AMARI

E TUTTI QUANTI LI TICHETTI CA CI POI FARI.

 

N’AMICU AVI OCCHI CA LEGGIUNU PINSERI

E NON CI POI AMMUCCIARI NÈ DISPIACIRI NÉ DISIDERI

NÉ COSI MUNSIGNARE NÈ COSI SINCERI.

 

N’AMICO SI PRESTA NTA OGNI SITUAZIUNI

E NON S’INVENTA SCAGIUNI

PI FARISI A LARGA DA QUESTIUNI.

 

N’AMICO È TALE E QUALI COME A TIA

PI CHISTU TI AVI ‘N SIMPATIA

N’AMICO È U TO SPECCHIO E U TO TISORU

TANTI VOTI  È CHIÙ DI ‘N FRATI O DI NA SORU.

 

 

TUTTI O  MUNNU AVISSIRO AVIRI N’AMICU

E TUTTI L’AMICI A MANU S’AVISSIRU A DARI

A MANU  A UNU A UNU STRITTA STRITTA

FORMANNU ‘N NASTRO UNICU

E FALLU SVINTULIARI

CU SUPRA STA FRASI SCRITTA:

“  INSEMI A STU MUNNU AMU A STARI

E  COSE BONE AVEMU A POTIRI FARI”.

 

 

 

Maggio 2017


TUTTI AL MONDO DOVREBBERO AVERE UN AMICO

 

Un amico è come il vento

che arriva come un soffio e  in un momento

 dal cuore ti strappa ogni lamento.

 

Un amico è come il sole in mattinata

che ti spunta nell’anima oscurata

e subito ti sorge una risata.

 

Un amico ha il cuore grande come il mare

e in quel mare annega le litigate amare

e tutti i dispetti che gli puoi fare.

 

Un amico ha occhi che leggono i pensieri

e non gli puoi nascondere né dispiaceri né desideri

ne cose bugiarde né cose vere.

 

Un amico si presta in ogni situazione

e non s’inventa scuse

per farsi alla larga dalla questione.

 

Un amico è tale e quale come te

per questo ti ha in simpatia

un amico è il tuo specchio e il tuo tesoro

a volte è più di un fratello o di una sorella.

 

Tutti al mondo dovrebbero avere un amico

e tutti gli amici la mano si dovrebbero dare

la mano ad uno ad uno stretta

formando un nastro unico

e farlo sventolare

con sopra questa frase scritta:

“Insieme a questo mondo dobbiamo stare

e cose buone dobbiamo poter fare”.

 

 

 

 

 

(La maestra).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

poesia per gli ULTIMI GIORNI DI SCUOLA

aquilone-300x234

Coraggio bambini e bambine

presto la scuola avrà fine,

vi aspettano giorni di sole

e in silenzio resteranno le aule.

Vi aspetta il mare turchese

coraggio all’estate manca meno di un mese!

Vi aspetta la fresca montagna

e nera di noia resterà la lavagna.

Vi aspettano corse a perdifiato

tra i rossi papaveri del prato,

il fischio dell’omino del gelato

e il filo al tuo polso legato

di un aquilone colorato.

Vi aspettano giorni di valigie e viaggi

alla scoperta di nuovi paesaggi.

Coraggio bambini e bambine

presto la scuola avrà fine

il tempo vola veloce

e l’estate vi chiamerà a piena voce.

(Tosca Pagliari, maggio 2017).

TEMPO DI VERIFICHE

board-361516_960_720

Per una verifica d’Italiano in classe quarta, mi serviva un testo poetico semplice alla portata di bambini di scuola primaria, ma che al tempo stesso che racchiudesse tutte le peculiarità studiate. Non so quanto ci avrei messo a cercarla e se mai l’avrei trovata così come la volevo io, così me la sono inventata. La pubblico qui, magari a qualcuno dovesse servire.

PROVA DI VERIFICA   ITALIANO     QUARTO BIMESTRE

(COMPRENSIONE DEL TESTO)

NOME…………………………………………COGNOME………………………………………………CLASSE……………….DATA………

E ARRIVERÀ L’ESTATE

E arriverà l’estate

all’improvviso,

il sole mi scotterà il viso

e saranno liete le giornate.

 

Il tempo avrà un battito lento,

la mia fantasia

volerà come aquilone nel vento

e la noia mi chiederò cosa sia.

 

Sarò  guizzante pesce di mare

sarò lucertola stesa al sole a riscaldare.

 

Andrò al ritmo del cri cri dei grilli

amerò i silenzi e i gioiosi strilli.

 

E arriverà l’estate

come un’amica che torna da lontano

portando in mano

pesche vellutate.

 

Sarò trotto di puledro selvaggio

spianate spiagge e freschi boschi

percorrerò perdendomi a perdifiato.

(La maestra- Tosca Pagliari – maggio 2017).

 

Dopo aver letto attentamente questo testo, rispondi alle seguenti domande.

 

  • Di che tipo di testo si tratta?

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

  • Quante strofe ci sono?

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

  • Quante strofe sono di quattro versi?

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

  • Quante strofe sono di tre versi?

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

  • Quante strofe sono di due versi?

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

  • In quale strofa non ci sono le rime?

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

  • Che tipo di rima troviamo nella prima e nella quinta strofa?

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

  • Che tipo di rima c’è nella seconda strofa?

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

  • In quali strofe invece la rima è baciata?

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

  • Nella quarta strofa c’è un’onomatopea, trovala e sottolineala di rosso.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

  • Nell’ultima strofa ci sono delle allitterazioni, trovale e sottolineale di blu.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

  • Trova le similitudini e copiale…………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

  • Trova le metafore e copiale:……………………………………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

Metti una crocetta sulla risposta appropriata

  • Che tipo di dati sensoriali sono espressi in questa poesia?

Soltanto visivi        visivi, uditivi e tattili        visivi, uditivi e olfattivi        visivi e uditivi.

 

  • La poesia, dedicata alla stagione estiva che sta per arrivare, esprime sensazioni di:

Stanchezza  e paura       Gioia, spensieratezza  e libertà       Tristezza e monotonia

Preoccupazione e sconforto .

 

IO SONO ( quando l’identità è fanciulla)

Mi serviva una poesia per un lavoro sull’identità con i miei alunni, siccome non l’ho trovata ho pensato di scriverla io. Poi si vedrà l’effetto su di loro, intanto eccola.

IO SONO

Io sono me

e un altro uguale non c’è

non lo trovi neanche a girare tutto il mondo

non lo trovi né in cielo né nel mare più profondo.

Io sono il mio viso

il mio sguardo, il mio sorriso.

Io sono i miei pensieri

e tutti i miei desideri.

Io sono le mie paure

i miei sogni e le mie avventure.

Io sono tutte le mie sconfitte e le mie vittorie

io sono una storia tra migliaia di storie.

Io sono la pace e la baruffa

 il mio silenzio e la mia smorfia buffa.

Io sono la quiete e la tempesta

sono io dai miei piedi alla mia testa.

Io sono il bambino che

adesso

guardo  riflesso

nello specchio e quello

ancor più bello

 che riconosco

nel mio animo nascosto

dove tutto il mio amore è riposto.

La maestra

PROPOSITI PER LA MIA TERRA (ecologia in rima)

terra fiorita

Non voglio più sporcare

le acque del mare

voglio acque trasparenti

e pesci lucenti.

Voglio aria pulita

e natura fiorita.

Non voglio più trovare

rifiuti sparsi ad inquinare

la Terra che è madre amorosa

e ci sfama senza posa.

Voglio campi di grano maturo

distese di sano futuro,

voglio sapore di frutta squisita

voglio mordere la vita.

(La maestra)

(Tosca Pagliari-marzo 2017).

A Natale, diversamente insieme (recita scolastica scuola primaria classe terza)

In una notte di Natale, per magia, il presepe si anima e statuine di materiali vari scoprono il valore della diversità.

 presepe-maria-1 presepe-fumettoEcco a voi il copione inedito con le parti “cucite addosso ad ogni alunno” in base alla propria personalità e alle proprie capacità espressive.

“LA MAGICA NOTTE DELLE STATUINE DEL PRESEPE”

Cast:

PASTORE LLA Viola

PASTORE Fabrizio

CONTADINELLA Sofia

CONTADINELLA Dafne

CONTADINELLA- PRESENTATRICE  Helena

PASTORE Thomas

CONTADINO Alfio

CACCIATORE Antonio

PESCATORE Tommaso

PASTORE Riccardo

LEGNAIUOLO Simone

STELLA COMETA Maria

CONTADINO – PRESENTATORE  Enrico

LAVANDAIA –   Doriana

CONTADINELLA- PRESENTATRICE  Marta

CONTADINELLA – PRESENTATRICE (Helena)…  anche  il presepe era spento e silenzioso con le statuine ferme in un’eterna posa finché ….

 

(Inizia la musica e i pastori si animano).

https://www.youtube.com/watch?v=Of9Ym4TMpZU

(CANZONE “ E LA NOTTI DI NATALI” in dialetto siciliano)

 

(Alla fine della canzone ballata, i pastori si stiracchiano sentendosi sgranchiti e commentano)

 

DORIANA: Ah, finalmente! Non ne potevo più è da cent’anni che sto ferma. Da quando mi fece con grande abilità un ceramista di Caltagirone. Sono una statuina preziosa costretta a stare incartata nella carta velina per un anno intero dentro una scatola buia. E poi per diversi giorni a fare bella mostra nel presepe. Tutte le volte che una mano mi si avvicinava sentivo sempre lo stesso strillo: Attenta che si rompe! Stai fermo che si rompe! Uffa però mi rompo tanto anche a stare ferma.

 

RICCARDO: Io sono più fortunato, sono di plastica e ho sempre avuto la fortuna della mano di un bambino che mi spostava di qua e di là per il presepe.

 

SIMONE: Io sono tutto incollato. Ogni anno qualcuno mi faceva cadere e mi si rompeva una volta un braccio, una volta una gamba, c’è stato un momento che ho perso pure la testa. Menomale che hanno sempre rimesso insieme i miei pezzi con una colla resistente.

 

SOFIA: Io sono la più bella di tutti, ho i vestiti di vera stoffa tutti cuciti a mano da una grande sarta.

 

DAFNE: Io invece sono la più delicata, sono fatta di cera e sono fatta così bene che sembro quasi vera.

 

TOMMASO: Io sono fatto di cartone, mi ha ritagliato un bambino da una confezione di panettone e ancora profumo di dolce.

 

VIOLA: Io sono la più originale, sono nata dalla fantasia di una bambina che mi ha disegnata su un foglio di carta, di sicuro le somiglio. Nel ritagliarmi poi mi ha un po’ lacerata la gonna, ma sicuramente non l’ha fatto apposta.

THOMAS: Io ho un meccanismo dentro che mi fa muovere sempre!

 

ENRICO: Io sono di gran valore: pezzo unico intagliato in un legno pregiato!

 

FABRIZIO: Io sono addirittura di bronzo.

 

ALFIO: Io sono d’argento!

 

HELENA: Io sono proprio tutta d’oro.

 

ANTONIO: bum ! Certo che ne sparate di pallonate! Siete solo statuine del presepe.

 

SOFIA: Sì, ma mica siamo tutte uguali!

 

MARTA: Certo, altrimenti che presepe noioso sarebbe? Ma ognuno di noi è importante perché nella sua diversità serve a dare un  valore speciale ad ogni cosa, in questo caso al presepe.

 

SIMONE: Però stanotte che prodigio! Siamo statuine animate, parliamo, ci muoviamo.

 

THOMAS: Se è per questo io mi sono sempre mosso!

 

DAFNE: Lo facevi meccanicamente, come un fantoccio ora invece siamo tutti veri.

 

TUTTI: Evviva! È il miracolo di Natale!

 

ALFIO: Io ho voglia di cantare. E voi?

 

TUTTI: Sì, cantiamo, cantiamo…

 

SOFIA: cantiamo e facciamo un girotondo il GIROTONDO DI NATALE

 

( canzone: “Girotondo ballerino” cantata e ballata)

https://www.youtube.com/watch?v=2-pQHm-F1iw

RICCARDO: Adesso sediamoci un po’ e ci riposiamo.

 

FABRIZIO: Invece pensiamo.

 

ALFIO: Pensiamo all’importanza del Natale.

 

THOMAS: Allora Natale è importante per …

 

HELENA, SOFIA, MARTA: Per i regali!

 

SIMONE,  TOMMASO: Per i panettoni!

 

SOFIA, DAFNE, ENRICO: Per gli addobbi nelle case e nelle strade!

 

THOMAS, VIOLA, ALFIO: Per i giocattoli nuovi!

 

RICCARDO,  FABRIZIO:  Per le vacanze!

 

( Poi tutti insieme litigando)

 

ANTONIO: Basta! Pace! Pace!

 

(silenzio)

 

ANTONIO: Ecco! Il Natale è importante per la  PACE!  PACE NEI CUORI , PACE IN TUTTO IL MONDO.

 

(seguono diverse poesie sul Natale prese dal repertorio per l’infanzia).

FABRIZIO

Ma chi ci guiderà verso il vero Natale?

 

THOMAS

Ci guiderà una cometa

 

 ( Maria, alunna diversamente abile, è la cometa)

Maria, vestita da stella cometa, fa la sua apparizione al centro della scena

https://www.youtube.cohttps://www.youtube.com/watch?v=BQfi3RhJcj0m/watch?v=BQfi3RhJcj0

 

(canzone “Stella cometa” cantata e amimata insieme all’alunna Maria)

DAFNE: Certo che noi siamo le statuine del presepe e sicuramente il presepe a Natale è il simbolo più importante. Anche più importante dell’albero di Natale.

 

ENRICO Adesso non ricominciamo con questi discorsi dato che abbiamo capito che tutti siamo importanti ognuno a modo nostro. E l’albero di Natale è nostro amico.

 

ANTONIO Sapete che vi dico? Gli dedichiamo una bella canzone?

 

TOMMASO  Gliela dedichiamo in inglese

 

OH CHRISTMAS TREE (song)

segue: We wish you a Merry Christmas (canzone anche ballata).

 

HELENA  E adesso torniamo nel nostro presepe, ma prima vogliamo dirvi:

DORIANA – ALFIO- THOMAS – VIOLA : Buon Natale a tutti e felice anno nuovo.

MARTA – SIMONE – RICCARDO:   Merry Christmas and Happy New Year

FABRIZIO – SOFIA-  ENRICO Grazie per averci ascoltato

TUTTI: a lot of Kisses to everyone.

 

Tosca Pagliari

COME CHICCHI DI UN GRAPPOLO (TEMPO DI RACCOLTA: d’uva e di riflessioni)

 

uva-maniCOME CHICCHI DI UN GRAPPOLO

Come chicchi di un grappolo

dolci di buon succo

ci teniamo per  le mani.

grappolo-uva-nera

Come chicchi di un grappolo

attaccati  insieme

su un raspo

di pace e allegria.

grappolo-uva-bicolore

Come chicchi di un grappolo

dove nessuno è mai solo

tutti frutti dello stesso seme

tutti uguali e diversi

 ci riconosciamo.

amici

Come chicchi di un grappolo

legati al passato, al presente

alle speranze

 di domani.

viti-viale

Come chicchi di un grappolo

allacciamo distanze

facciamo amicizie

allarghiamo il cuore

la mente e i pensieri

percorriamo sentieri

che portano altrove.

vigneto

Come chicchi di un grappolo

sul filare della vite del mondo

ci ritroviamo fratelli.

amicizia

Tosca Pagliari – settembre 2016

CIAO SCUOLA ( Per tornare a scuola attraverso gli occhi dei bambini)

 scuola-copia

Ciao scuola,

è stata lunga la tua estate da sola

così tutta vuota

e senza una parola?

Stanca hai riposato col cuore nell’oscurità

e la faccia al sole, ma dimmi in verità

 hai sognato la quieta fonte

lassù in cima al monte

o lo schiamazzo del lido affollato?

E ora che t’hanno svegliata

rinfrescata e adornata,

con uno sbadiglio e un po’ d’agitazione

hai spalancato

occhi di finestre e bocca di portone.

Ma dimmi  t’ha più scosso il trillo

  della campanella o il nostro festoso strillo?

Che fame  che avevi se per colazione

ordini subito la lezione

e ci ingoi tutti quanti in un boccone!

Ma dimmi  ti farai pancia di balena

o grembo di mamma serena?

Ciao scuola,

ma ci hai guardati bene?

Abbiamo zaini nuovi pieni di curiosità

visi ambrati  di luce e felicità

gambe più lunghe che hanno corso veloci

riempiendoci d’allegra energia.

Abbiamo ancora  negli occhi lucenti

la meraviglia e la poesia

dei posti nuovi dove siamo stati contenti

e nelle orecchie le diverse voci

dei nuovi  incontri, dei nuovi amici;

abbiamo mani più grandi

 che hanno impastato

 sabbia di mare e accarezzato

fili d’erba nei campi, gioiosità

spensieratezza e libertà.

Ciao scuola,

 ora come farai

a chiederci la  penna rossa e la penna blu,

il libro aperto, le parole sul foglio bianco

 lo spazio stretto del banco,

 tanta attenzione

il controllo dell’agitazione

il silenzio  e tutto quel che vuoi tu?

Lo sai  scuola, tu che hai tanto ingegno,

lo sai veramente

che siamo ancora col cuore in vacanza?

Lo sai scuola mia

che ci vuole pazienza

 e un po’ di simpatia

per tornare dal gioco all’impegno,

e per risvegliare allo studio la mente?

Allora facciamo ogni cosa serenamente

che tutto diventa più bello:

oggi un fiore e un pastello

domani un racconto

  e una conchiglia.

Poi fai conto

che se oggi si sbaglia

domani si farà una conquista

e vedrai che ci rimetteremo tutti in pista.

Ciao scuola, ciao scuola mia

anche quest’anno, sei pronta

a lasciarci la tua buona impronta

prima che il tempo voli e da te ci riporti via?

Tosca Pagliari – settembre 2016

 

EDUCAZIONE DI GENERE ( FIABE per bambini)

 

A scuola si educa al concetto di uguaglianza cercando di eliminare gli stereotipi discriminatori tra maschi e femmine fin dalla più tenera età. Spesso si svolgono lezioni in merito e si attuano anche di progetti. Questi interventi sono definiti “Educazione di genere”. Per gli alunni più giovani ho inventato una fiaba cercando di utilizzare un linguaggio simbolico adatto alla loro età per veicolare il concetto dell’uguaglianza e delle pari opportunità per le donne e gli uomini. Se a qualcuno dovesse piacere può utilizzarla nelle varie scuole senza fini di lucro e mantenendo il nome dell’autrice Tosca Pagliari.

Ecco una fiaba:

“IL PRINCIPE PIUMETTO E LA PRINCIPESSA MENUCCIA”

(FIABA di Tosca Pagliari)

 Nel fantastico bosco di Pariedispari vivevano i piùemeno. Erano una strana specie di folletti dove tutti i maschi indossavano magliette col segno più, cappucci celesti e pantaloncini, mentre tutte le femmine indossavano magliette col segno meno, cappucci rosa e  lunghe gonnelle. Questa era una legge che nessuno poteva cambiare.

Nel bosco di Pariedispari c’erano molti alberi con grandi chiome e al centro del bosco c’era un albero altissimo senza chioma a forma di torre . Era l’albero dei fanciulli, quando raggiungevano l’età dei sei anni venivano messi a crescere nell’albero-torre. Le “menucce” ,cioè le femmine, stavano in cima alla torre , i “piumetti”, cioè i maschi, stavano in basso alla base della torre. La scuola nell’albero-torre prevedeva lezioni differenti. Le menucce dovevano stare sedute tutto il giorno a cucire, ricamare, rammendare; solo ogni tanto potevano alzarsi per cucinare, stirare, ripulire. I piumetti potevano uscire dalla torre per andare a calciare le pigne, correre, combattere e persino cavalcare gli oniricanti, strani cavalli alati per sorvolare il bosco e arrivare fino al mondo dei sogni.

Per le menucce e per i piumetti la vita scorreva così, ma un giorno accadde una cosa strana. La regina dei piùemeno mise al mondo due gemelli: una menuccia ed un piumetto, ma dato che erano principi si differenziavano dagli altri perché il loro nome si scriveva con la lettera maiuscola. Così  Piumetto e Menuccia  crebbero insieme e divisero insieme le loro esperienze per sei anni. Il problema fu quando dovettero entrare nell’albero-torre. Piansero e si disperarono, ma come  tutti gli altri fanciulli dovettero accettare la loro sorte.

La principessina  Menuccia cuciva e piangeva non perché si pungeva con l’ago, ma perché le pungeva il cuore al pensiero di non poter correre per il bosco e volare su un oniricante.  Il principino Piumetto tirava calci  alle pigne e gridava di rabbia, non perché si faceva male ai piedi, ma perché avrebbe voluto una cucina tutta per sé dove lui era lo chef e  poteva inventare ogni giorno un dolce diverso.

Di questa stranezza se ne accorsero tutti e fortuna che erano figli della regina e del re, altrimenti li avrebbero portati a sperdere nella caverna scura per nasconderli agli occhi del mondo. Nessuno osava parlare chiaramente, ma tutti mormoravano. Allora il re e la regina decisero di fare arrivare un mago da lontano.

Mentre il mago era in viaggio, i principini combinarono un bel guaio. La principessa Menuccia decise di trasgredire agli ordini e scendere dall’albero torre, contemporaneamente  il principe Piumetto pensò anche lui di fare di testa sua e salire  verso la cima. Si incontrarono a metà scala, si abbracciarono pieni di gioia e, sempre contemporaneamente pensarono di scambiarsi i vestiti, (del resto erano gemelli e le loro menti stavano sempre in comunicazione).

Accadde che sulla cima dell’albero torre impartiva le lezioni una vecchia strega che si accorse subito del trucco e disse:

“Non m’importa se sei un principe, hai trasgredito alle regole e dovrai pagare per questo! Volevi fare le cose all’incontrario ed io ti punirò mettendoti all’incontrario!”

Così lo prese e lo legò con una corda e lo appese a testa in giù dalla più alta finestra dell’albero-torre.

Poi aggiunse: “ E così rimarrai finché l’aria sarà aria e la terra sarà terra!”.

Alla base dell’albero torre, impartiva le lezioni un vecchio stregone che si accorse anche lui del trucco e disse:

“ Anche se sei una principessa verrai punita! Ti farò spuntare le mani al posto dei piedi e i piedi al posto delle mani così non potrai né correre, né giocare, come era stabilito dalla legge per le menucce. E così rimarrai finché il fuoco sarà fuoco e l’acqua sarà acqua!”

Le giornate trascorrevano in modo terribile per il principe Piumetto e la principessa Menuccia, ma la notte potevano sognare e nel sogno s’incontravano. Il principe Piumetto sfornava un dolce dopo l’altro e la principessa Menuccia correva e calciava le pigne tirandole a segno dentro le buche.

Poi una notte, evocato dal sogno in comune arrivò Sognoesondesto. Questo era il più bell’ esemplare di oniricante che si fosse mai visto: era nero, morbido e lucido come il velluto e aveva lunghe ali di seta color argento. Sognoesondesto poteva fare ogni cosa. Iniziò a galoppare velocemente intorno al bosco, così velocemente che tutto roteava come i panni dentro una lavatrice quando fa la centrifuga. Roteando velocemente ogni cosà sembrò impazzita. Tutto si mescolò, si scaldò, bollì, evaporò così che l’acqua spense il fuoco e il fuoco si fece vapore e poi diventò acqua; un vento portentoso sparse la terra fino al cielo e invase l’aria così l’aria divenne terra e la terra divenne aria. E si ruppe l’incantesimo! Il principe Piumetto fu sciolto da quella terribile posizione e la principessa Menuccia riebbe mani e piedi al loro posto.

Intanto era arrivato anche il mago da lontano. C’era stato tanto perché aveva viaggiato col peso di un grosso libro. Era il suo libro delle magie dal lungo titolo “Pensa-rifletti-bene-che-a-tutti-conviene”. Al cospetto del re e della regina lo aprì e lesse la magia:

“Più e Meno,

ingiustizia e veleno

 piumetti e menucce

maschietti e femminucce

diversi di forma

uguali di norma

la norma è nella legge

la rispetti chi legge!”.

Con questa magia il bosco di Pariedispari divenne il bosco di Paripari  dove piumetti e menucce facevano quello che piaceva loro fare. Furono abolite le magliette col più e col meno e tutti indossarono una maglietta col segno uguale e per il resto si vestirono come più gli piaceva  vestirsi. La principessa Menuccia divenne una campionessa di calcio alla pigna e il principe Piumetto un grande cuoco. 

E vissero tutti uguali, felici e contenti.

(Tosca Pagliari 7 maggio 2016)

——————————————————

Ecco un’altra nuova fiaba, anche questa può essere utilizzata senza fini di lucro e mantenendo la paternità (o si dovrebbe dire maternità?) di Tosca Pagliari.

“BECCHI ROSSI E BECCHI AZZURRI”

(FIABA di Tosca Pagliari)

Nel paese di Paperiquack vivevano paperotte tutte rosse chiamate becchi-rossi e paperotti tutti azzurri chiamati becchi-azzurri.

Le paperotte becchi-rossi stavano giorno e notte dentro il recinto ed erano sempre indaffarate avanti e indietro a cercare chicchi e granaglie varie, poi dovevano tenere sotto controllo i piccoli che scappavano di qua e di là e, quando sembrava che avessero finito, dovevano mettersi a covare le uova rosse e azzurre dalle quali poi nascevano altri becchi-rossi e becchi-azzurri.

I paperotti becchi-azzurri al mattino  uscivano dal recinto, sguazzavano la maggior parte del tempo nello stagno per pescare bacche acquatiche e molluschi; andavano anche a caccia di larve e insetti. Un po’ del cibo che si procuravano lo mangiavano loro, ma la maggior parte lo portavano nel recinto per sfamare  tutto il resto della famiglia e i pulcini tutte le sere li attendevano trepidanti.

Le paperotte becchi-rossi si lamentavano del loro faticoso lavoro dentro il recinto e avevano da ridire sul fatto che i becchi azzurri se la spassavano fuori dal recinto e potevano persino sguazzare nello stagno.

I paperotti becchi-azzurri dal canto loro si lamentavano pure perché le loro compagne becchi-rossi potevano starsene all’asciutto a giocare con i piccoli mentre loro dovevano passare tutto quel tempo in acqua e lontano dalla famiglia.

Una becco-rossa più impertinente andò da Becco-doro, sovrano dei paperi, e gli chiese:

_ Perché i becchi-azzurri sono privilegiati?

Ma, mentre Becco-doro stava per rispondere, sopraggiunse anche un becco-azzurro piuttosto arrabbiato che disse:

_ No, non siamo noi i privilegiati, ma loro coi becchi rossi! Noi poveri becchi-azzurri …

Becco-rosso non lo fece finire di parlare e gli balzò addosso ferendolo a beccate e, per difendersi, becco-azzurro si mise a dare beccate anche lui. Ci fu un bel parapiglia a colpi di becco, qua qua qua scatenati e piume che volavano in aria.

Il re, furibondo, chiamò le guardie e fece condurre i prigionieri nel pensatoio dicendo:

_ Starete lì dentro finché non avrete trovato una soluzione pacifica.

Il pensatoio era una gabbia sospesa in un pozzo umido e buio. Dopo tre giorni di pensatoio, becco-rosso e becco-azzurro avevano fatto la pace e avevano deciso di andare a consultare una fata per risolvere la questione. Così il re li liberò.

Becco-rosso e becco-azzurro si recarono dunque dalla fata Accorda-e-vinci e le raccontarono le loro ragioni. Dopo averli ascoltati la fata disse loro:

_ Portatemi tutte le vostre uova e troverò la soluzione.

Becco-rosso e becco-azzurro andarono e tornarono con ceste stracolme di tutte le loro uova e, attenti a non romperne neanche una, le depositarono davanti alla fata Accorda-e-vinci. Subito la fata agitò la bacchetta magica iniziò a dire:

“Bacchetta mia bacchetta

la legge sia perfetta

una volta per uno

non fa male a nessuno”.

Poi riconsegnò le uova al paperotto e alla paperotta che se ne tornarono a casa mogi mogi senza aver capito nulla e convinti che tutto fosse rimasto come prima.

Ma dopo una settimana le uova si schiusero e magia! E meraviglia delle meraviglie! Erano nati incantevoli pulcini tutti quanti di colore viola!  Emanavano anche una luce viola, che illuminando  becchi-rossi e  becchi-azzurri faceva diventare viola pure loro.

Così non ci fu più alcuna differenza e da allora in poi,  a turno, tutti si scambiarono i lavori e le responsabilità. Maschi e femmine diventarono bravi a saper fare ogni cosa e si davano pure il cambio a covare i bellissimi pulcini.

 Ancora oggi vivono tutti viola felici e contenti.

(Tosca Pagliari – 9 maggio 2016)